Trio Ventapano

Trio Ventapano
Trio Ventapano

Werner Neugebauer, violino
Firmian Lermer, viola 
Heike Schuch, violoncello

Mercoledì 2. 9. 2015   20:00

Convento dei frati minori conventuali, Pirano

Programma:

  • Johann Sebastian Bach / Wolfgang Amadeus Mozart: Due fughe KV 404a. in re minore e Fa magg.
  • Dietrich Buxtehude: Sonata per viola e B.C. in re magg

Adagio - Allegro - Adagio - Presto - Allegro

  • Giuseppe Tartini: Piccola sonata per violino e violoncello in do magg

Cantabile andante - Allegro assai - Presto

  • Georg Friedrich Händel/Johan Halvorsen: Passacaglia per violino e violoncello 
  • Franz Schubert: Trio per archi in Si bemol magg. D 471 

-----------------------------------pavza-----------------------------------------------

  • Wolfgang Amadeus Mozart: Divertimento per Trio d’archi in Mi bemol magg. KV 563

Allegro - Adagio - Menuetto. Allegretto Trio - Andante - Menuetto. Allegretto Trio I/II - Allegro

 

Werner Neugebauer

nasce a Graz. Studia al Mozarteum di Salisburgo con la prof.ssa Irmgard Gahl, per laurearsi con lode nel 1991, ricevendo un premio speciale dal governo austriaco.

Continua lo studio del violino con Ernst Kovacic a Vienna. In questo periodo si interessa al violino barocco e comincia a collaborare e suonare con Nikolas Harnoncourt, che al tempo insegnava al Mozarteum.

Nel 1993 divenne membro della Camerata Salisburgo, sotto la direzione di Sandor Vegh. Da allora si è esibito frequentemente con vari gruppi di fama internazionale, come il Klagforum di Vienna, La Salzburger Hofmusik, Concentus Musicus e l’Ensemble Baroque de Limoges. Werner si è presentato in scena su numerosi festival per tutta Europa, con musicisti quali Benjamin Schmid, Irena Grafenauer, Radovan Vlatkovic, Thomas Riebl, Sergio Azzolini, Pepe Romero, Michael Kofler, Hansjörg Schellenberger, Giuliano Carmignola ed altri.

Dal 1993 insegna al Mozarteum all’Università di Salisburgo, inizialmente come assistente di Irmgard Gahl e successivamente Benjamin Schmid e Lukas Hagen. Nel 2006 gli fu assegnata una propria classe di studenti alla stessa istituzione.

Werner Neugebauer suona un violino di Francesco Rugieri del 1696, riconoscendone con gratitudine il prestito a lungo termine da Fürst Starhemberg.

 

Firmian Lermer, viola

Studiò a Vienna con Thomas Kakuska ed il quartetto Alban Berg. Fu fortemente influenzato anche da G. Kurtag, S. Celibidache e S. Végh. Da molti anni è solista della Camerate Salzburg, e fu invitato diverse volte come prima viola al Mozart Orchestra di Claudio Abbado a Bologna e l’orchestra Mahler della Opera di Stato della Bavaria.

Nel 1996 fondò il sestetto di archi Hyperion Ensemble, con il quale ha suonato in molte sale da concerto importanti in tutto il mondo.
Come solista, si è esibito con la Deutsche Kammerakademie Neuss, il Georgian Chamber Orchestra Ingolstadt e la Panonische Philharmonie.
Presentemente insegna al conservatorio Haydn di Eisenstadt e al conservatorio di stato a Innsbruck.

Heike Schuch, violoncello

Figlia di rimpatriati tedeschi dalla Romania, nasce a Neuss, in Germania, dove riceve anche la sua prima lezione di violoncello alla tenera età di sette anni. Continuò lo studio all’università di musica di Cologna, inizialmente da Maria Kliegel (al primo anno), e dopo da Enrico Bronzi al famoso Mozarteum di Salisburgo. Ulteriori importanti influenze musicali provengono dal lavoro con Clemens Hagen (Hagen Quartett) e master class con David Geringas, Natalia Gutman, Heinrich Schiff, Frans Helmerson ed Arto Noras.

Come solista, e soprattutto suonando musica camerale, ha girato festival in tutta Europa, Asia, Nord e Sud America, esibendosi con musicisti quali Arto Noras, Pavel Vernikov, Jörg Widmann, Tommaso Lonquich e Jeffrey Swann.

Ha anche vinto diversi premi in competizioni nazionali ed internazionali. La sua raccolta di premi comprende la Borsa di studio per artisti della sua città natale di Neuss, la borsa di studio dell’Accademia estiva internazionale della città di Salisburgo, e il Premio europeo per giovani artisti dal fondo europeo per la cultura “Pro Europe”.