Il Festival

Il Tartini Festival è un evento di musica internazionale dedicato al maestro Giuseppe Tartini, piranese di nascita. I direttori del programma e fondatori del festival, Jasna Nadles e Milan Vrsajkov, si sono impegnati negli ultimi quattordici anni a portare eminenti musicisti di fama mondiale a Pirano e l'Istria Slovena. Il Tartini Festival 2011 - Pirano e l'Istria Slovena sarà la decima edizione del evento proponendo ai visitatori e amanti della musica antica e classica ancora una volta l'opportunità di apprezzare esibizioni di noti musicisti.

Il festival si svolge nel Litorale Sloveno, con la maggior parte degli eventi a Pirano, che non ospita poi così tanti eventi di musica classica, per non parlare di musica barocca. Il festival ha già contribuito sostanzialmente al profilo culturale della regione e del paese, e ha sin dal inizio ricevuto il supporto degli esperti riguardo alla selezione e presentazione dei noti musicisti.

Il festival presenta una serie di eventi artistici di altissimo grado e ha riscontrato grande successo con i critici e con il pubblico anno dopo anno, contribuendo così ad elevare e promuovere il festival e il paese nel mondo.

Nel 2002 il festival si è presentato con quattro concerti di musica classica. Nel 2006 si sono susseguiti sette concerti del Tartini Festival Gold ed un concerto del programma Tartini Junior “Sotto le stelle”. All\'evento principale nel duomo di San Giorgio di Pirano si sono esibiti per la prima volta insieme alcuni dei maggiori musicisti barocchi del mondo: il violinista Giuliano Carmignola, il fagottista Sergio Azzolini e il violoncellista Christophe Coin. Una parte del ricavato dei biglietti venduti è stata dedicata alla beneficenza, all'UNICEF, per i bambini del Darfur. Nel 2006 il festival ha orgogliosamente varcato i confini del comune di Pirano e si è proposto con un concerto al Museo Regionale di Capodistria.

Il successo del festival ha continuato a crescere e nel 2009 il programma conteneva già 10 concerti, programmati in un periodo di 14 giorni, il che ha contribuito ad un'atmosfera da festival più intensa. L'ensemble del festival, »Il Terzo Suono «, accompagna eminenti solisti già da quattro anni. La particolarità e vantaggio comparativo del festival è inoltre una propria produzione. Si tratta di una interpretazione unica ed originale delle composizioni, che si viene a formare nei giorni di lavoro collettivo dei grandi musicisti, ed è un sinergico sviluppo dei pezzi, che vengono preparati da ogni artista per il proprio strumento prima del festival. Una novità dell'anno scorso è stato il progetto Tartini Junior, che avrà luogo anche quest'anno con concerti ogni giovedì di luglio e agosto a Capodistria, dove si presenteranno dotati giovani musicisti.