Bojan Čičić, violino barocco

Bojan Čičić
Bojan Čičić

Brice Sailly, cembalo

Venerdì 5. 9. 2014   20:00
Convento dei frati minori conventuali, Pirano

Programma:

G. S. Carbonelli (1700 - 1772): Sonata per violino e basso continuo in La magg. 
G. Tartini (1692 - 1770): Piccole Sonate MS Padova, Sonata XII
J. M. Leclair (1697 - 1764): Sonate per violino e basso continuo in Re magg. Op. 9 No. 3 
A. Corelli: Sonata La Follia per violino e B.C. 

Bojan Čičić, violino barocco

Il violinista croato Bojan Čičić è uno dei più ricercati specialisti per la musica barocca della sua generazione ed applica un dinamico approccio continentale alle sue esibizioni nel Regno Unito e oltre. Egli conduce un numero di distinti gruppi camerali, tra i quali Florilegium e La Nuova Musica, e si esibisce regolarmente con l’Accademia di musica antica, Brecon Baroque e in collaborazione con Mahan Esfahani. La sua illustre carriera di solista l’ha visto vincere il premio Gramophone per i concerti brandenburghesi di Bach, registrati con Trevor Pinnock ed il European Brandenburg Ensemble, esibirsi con la Sinfonia Concertante di Mozart con Florilegium al Three Choirs Festival, interpretare i concerti brandenburghesi in completo con Florilegium al Festival Internazionale di Musica a Bath, ed il Concerto per due violini di Bach con l’Accademia di musica antica al Centro dell’Arte a Seoul. Molto lodato dalla critica per le sue recenti registrazioni del Concerto per due violini di Bach con Rachel Podger e Brecon Baroque. Tra le altre registrazioni nelle quali Bojan figura come solista o conduttore sono le Sonate per il violino di Corelli e Geminiani con il gruppo L’Aventura London, la Missa Brevis di Bach con Ensemble Pygmalion, i Concerti grossi di Torelli ed opere di Vivaldi e Pergolesi con Florilegium per Channel Classics.

Bojan suona un Rugieri del 1680, magnanimamente prestato dalla Jumpstart Junior Foundation. 

Brice Sailly, clavicembalo

Brice Sailly

Dopo l’istruzione con Elizabeth Joye, ha studiato con Olivier Baumont, Blandine Rannou e Kenneth Weiss al Conservatorio nazionale di musica e danza di Parigi. Ha approfondito la sua conoscenza dell’arte musicale incontrando persone come Pierre Hantai, Skip Sempé e Fabio Bonizzoni.
È ricercato come interprete della più bella musica antica, accompagna regolarmente Agnès Mellon e Dominique Visse in recitali ed ha suonato con Capriccio Stravagante (Skip Sempé), Pulcinella (Ophélie Gaillard), Il Seminario Musicale (Gérard Lesne) Les Musiciens de Saint-Julien (François Lazarevitch), Les Paladins (Jérôme Correas) Musicall Humors (Julien Léonard), Arte Intime e la Stockholm Bach Society. Aperto per diverse esperienze musicali, Brice Sailly è un membro fondatore del gruppo franco-islandese Süsser Trost, noto per la collaborazione con Murcof e Marion June, musicisti della scena elettronica. Attivo nel campo del teatro musicale, ha diretto Dell’onesta dissimulazione, spettacolo per il quale ha suonato un clavicembalo Pleyel progettato secondo i suggerimenti di Wanda Landowska.
Brice Sailly si è esibito come solista (concerti di J. S. Bach, C. Ph. E. Bach, W. A. Mozart) accompagnatore in recitali al Festival di St. Riquier, Giovani talenti europei di Parigi, Salle Gaveau di Cité de la Musique, il Château de Versailles, a Losanna, presso il Fox Theatre, il Museo di Belle Arti di Chartres.
Insegna clavicembalo presso il Conservatorio di Rueil-Malmaison e basso continuo presso il Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Tolosa.